La Parenzana

DA TRIESTE A PARENZO

WEEKEND LUNGO I BINARI DELLA STORIA

26-28 APRILE 2020

1-3 MAGGIO 2020

31 MAGGIO-2 GIUGNO 2020

29-31 AGOSTO 2020

 

POSSIBILE CONCORDARE DATE AD HOC PER GRUPPI PRECOSTITUITI

 Old town, Piran, Slovenia.

A cavallo dei confini tra Italia, Slovenia e Croazia, attraversiamo una regione unica: da Muggia a Parenzo, seguendo la mitica ciclovia della Parenzana, un tempo tratta ferroviaria. Un itinerario tra colline, boschi e antichi borghi all’interno dell’Istria fino a raggiungere il mare. Nel corso del viaggio entriamo in contatto con la comunità locale, che ci ospita e ci trasmette i ricordi di una storia travagliata e offrendo i sapori unici di queste terre: una miscela di tradizioni mediterranee e orientali.

IL TRACCIATO FERROVIARIO DELLA PARENZANA
La ferrovia era lunga 123 km e adottava lo scartamento ridotto detto “bosniaco”, perché  adottato dalle “Imperial Regie Ferrovie dello Stato” per la costruzione della rete ferroviaria della Bosnia-Erzegovina. Diffuso in varie parti dell’Impero asburgico per i ridotti costi di costruzione e i minori tempi di realizzazione, questo sistema venne utilizzato anche per la tortuosa e spettacolare linea ferroviaria che mirava a togliere dall’isolamento la parte nord occidentale dell’Istria, collegandola all’importantissimo emporio triestino. Escluse le stazioni capolinea di Trieste e Parenzo il percorso comprendeva 33 tra fermate e stazioni intermedie. Il tracciato era particolarmente ardito e comprendeva nove gallerie e diciassette tra ponti e viadotti. Il tratto più spettacolare era quello compreso tra le stazioni di Grisignana e Visinada dove il binario, per superare il dislivello della valle del Quieto, assumeva le caratteristiche di una vera e propria ferrovia di montagna. Il traffico ferroviario sulla linea fu esercitato sia per il trasporto merci (vino, olio, legname e pietra lavorata) che per il trasporto viaggiatori. Gli anni precedenti al primo conflitto mondiale furono quelli di massimo splendore in termini di volumi di merci e numero di viaggiatori. Terminato il conflitto, con l’annessione di Trieste e dell’Istria al Regno d’Italia vi fu un lento e inesorabile declino della ferrovia. Il 1° luglio 1924 la Parenzana venne inclusa nella rete nazionale gestita dalle Ferrovie dello Stato, ma già nei primissimi anni ’30, stante la concorrenza dei collegamenti costieri veloci su nave e delle sempre più diffuse autocorriere e automobili, si iniziò a pensare alla soppressione della ferrovia per ragioni economiche. Questa giunse improvvisa a fine agosto del 1935. Oggi il suo sedime è stato recuperato e destinato a tracciato ciclopedonale che corre lungo tre Stati ed è anche chiamato “Strada della salute e dell’amicizia”.

PROGRAMMA

GIORNO 1

Il nostro viaggio inizia nel cuore di Muggia – prima città dell’Istria – gustando il caffè nell’animata piazza centrale. Da qui ci dirigiamo in Slovenia, percorrendo la ciclovia verso Capodistria (Koper) e Isola (Izola), antichi borghi d’impronta veneta. Pedalando tra il mare e le colline giungiamo poi nel vivace centro di Portorose (Portorož), nota località del turismo d’élite nel periodo Austro-ungarico, con variante a Pirano (Piran). Nel pomeriggio valichiamo il confine con la Croazia, passando su fondo sterrato e affrontando la salita sul Golfo di Pirano che ci conduce sul Carso dell’Istria interna. Arrivo a Buie, per cena e pernottamento in B&B.

GIORNO 2

Tappa fuori strada, seguendo il percorso dell’ex-ferrovia da Buie (Buje) a Montona (Motovun), tra boschi, gallerie e viadotti. Sostiamo nell’affascinante Grisignana (Grožnjan), intima città degli artisti dal panorama spettacolare. Qui veniamo a contatto con la comunità locale e degustiamo del pregiato olio istriano da un produttore locale. Prendiamo un po’ di ristoro sul più bel terrazzo affacciato sulla valle del fiume Quieto (Mirna) e scendiamo poi nel cuore del Bosco di S.Marco, importantissima risorsa di legname ai tempi della Serenissima. Arriviamo infine ai piedi del colle di Montona per la cena e il pernottamento in B&B/agriturismo.

GIORNO 3

Prima della partenza, visitiamo il borgo medioevale di Montona (Motovun), strategico presidio veneziano dell’Istria interna e quindi ripartiamo in direzione di Visinada (Vižinada). Proseguendo su sterrato pedaliamo nella quiete della natura tra dolci saliscendi, vigneti e campagne. Pausa per ristoro e degustazione libera di prodotti enogastronomici locali e per la visita facoltativa alle grotte di Baredine, ricche di sculture create dal millenario “lavoro” dell’acqua. Ultimi chilometri in bici e arrivo a Parenzo (Poreč), capolinea del trenino della Parenzana. Se il tempo a disposizione lo consente, ci concediamo un tuffo nelle acque azzurre dell’Adriatico o visitiamo la Basilica Eufrasiana per rivivere lo splendore di Bisanzio. Termine del viaggio e rientro in Italia con transfer in serata.

NOTA: Il programma può essere soggetto a variazioni, sia prima che durante il viaggio, per cause di forza maggiore, in base alle condizioni climatiche, alle regole e alle indicazioni imposte dalle autorità, alle condizioni della circolazione stradale e dei mezzi di trasporto utilizzati, alle regole di accesso imposte dai siti di visita, alle festività, alle esigenze dei viaggiatori e delle strutture che ospitano il gruppo di viaggiatori.

ParenzanaVisignano

QUOTA DI PARTECIPAZIONE:

6 PARTECIPANTI: 265,00 euro

9 PARTECIPANTI: 238,00 euro

12 PARTECIPANTI: 218,00 euro

Supplemento stanza singola euro 40,00


LA QUOTA DI PARTECIPAZIONE COMPRENDE: Percorso guidato; Trattamento di mezza pensione e pernottamento in camera doppia con servizi in B&B/agriturismo il venerdì e il sabato; Degustazione d’olio di oliva; Trasporto bagagli; Rientro con mezzo riservato; Assicurazione.


LA QUOTA DI PARTECIPAZIONE NON COMPRENDE: Pranzi; Bevande ai pasti; Degustazione di prodotti enogastronomici locali; Ingressi e visite facoltative; Mance; Extra personali e in genere e tutto quanto non espressamente indicato nella voce“La quota comprende”.

 

ITINERARIO

  • Percorso su strade asfaltate e sterrate: 1° giorno 55 km; 2° giorno 40 km; 3° giorno 34 km
  • Livello medio, richiede una discreta padronanza della bicicletta

NOTE ORGANIZZATIVE

  • Obbligo di casco
  • Obbligo di carta di identità valida per l’espatrio e senza timbro di rinnovo
  • Assicurazione annullamento su richiesta

  • Supplemento notte extra a Muggia
  • Eventuale noleggio bicicletta: 30 euro
  • Eventuale noleggio Ebike: 80 euro

Iscrizioni sino ad esaurimento posti

Acconti di € 70,00 da versare all’iscrizione. Saldo entro 30 gg/data partenza

NUMERO MINIMO DI PARTECIPANTI = 6

NUMERO MASSIMO DI PARTECIPANTI = 12

Se il numero minimo non verrà raggiunto 20 giorni prima della partenza, il viaggio verrà annullato e l’acconto versato interamente restituito

Parenzana Parenzo

PER INFORMAZIONI TECNICHE O RIGUARDANTI IL PERCORSO
info@viaggiareslow.it  oppure +39 347 0394300 (Fabrizio)

PER INFORMAZIONI ED ISCRIZIONI
daniele.bilotta@viaggiareibalcani.net oppure +39 327 6888059 / 0464 431507 dalle ore 09.00 alle 18.00
(ETLI-VIB Daniele Bilotta)

Organizzazione Tecnica:
Agenzia Viaggi ETLI-TN, Soc. Coop Rovereto – Corso Rosmini, 82\A 38068 Rovereto (Tn)
N. Reg. A157038 – Compagnia assicurativa: UNIPOL / Num. polizza: 1949 65 50623055